Home Documenti Chi siamo Contatto
Sportello SOS Equitalia
Consigli Servizi Attivitā Notizie Rassegna Stampa

 

 

 

Quali rischi si corrono?

Decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella, se le somme non sono state pagate o se non è stata concessa la sospensione in sede di impugnazione, l'Agente della riscossione può:

1) disporre il fermo amministrativo dell'auto

Il fermo amministrativo, è un atto tramite il quale le amministrazioni o gli enti competenti provvedono, tramite i concessionari (Equitalia ecc.), alla riscossione coattiva di crediti insoluti "fermando" un bene mobile dell'obbligato.

Il mancato pagamento di una cartella esattoriale entro i termini di legge comporta l'iscrizione, da parte dell'Ente impositore, dell'"atto". Esso interessa beni mobili come l’automobile, lo scooter, la motocicletta, ecc., la cosiddetta "iscrizione a ruolo" del debito, può riferirsi a tributi o tasse, canone Rai, contributi Inps, bollo auto, Tarsu, Ici, Irpef, I.V.A. ecc., oppure a multe (non pagate entro i termini indicati nel verbale) relative ad infrazioni del codice della strada, queste verranno iscritte a ruolo come avviene normalmente per le imposte.

2) disporre il pignoramento beni

E' il primo passo delle azioni di espropriazione nell'ambito dell'attivita' di riscossione della pubblica amministrazione, dallo Stato agli enti locali. Viene chiamato cosi' perche' segue di norma una cartella esattoriale impagata (entro 60 giorni) e non contestata nei modi previsti dalla legge.

Dall'Ottobre 2011 la stessa procedura riguardera' i nuovi "avvisi di accertamento esecutivi" che sostituiranno la cartella esattoriale nella riscossione delle tasse.

Essa inoltre gia' riguarda il metodo "aternativo" di riscossione rispetto alla cartella, l'ingiunzione fiscale, che per esplicita disposizione di legge dovra' essere utilizzata dal 2012 da tutti i comuni per riscuotere direttamente le proprie entrate.

In questi casi le regole di riferimento per il pignoramento, ferme restando quelle generiche del codice di procedura civile, sono quella contenute nel Dpr 602/73, agli articoli dal 49 al 76.

Sono quindi pignorabili i beni mobili presso il debitore, le cose del debitore presso terzi, i crediti del debitore presso terzi, beni immobili e diritti reali immobiliari, usufrutto e nuda proprietà.

3) disporre l'iscrizione d'ipoteca

Le società Equitalia, in qualità di Agenti della riscossione, hanno il potere di iscrivere l'ipoteca sugli immobili del debitore.

I concessionari (Equitalia ecc.) hanno il potere di iscrivere l'ipoteca sugli immobili del debitore, in forza dell'art. 77 del D.P.R. 602/73, che prevede:

a) Decorso inutilmente il termine di cui all'articolo 50, comma 1, il ruolo costituisce titolo per iscrivere ipoteca sugli immobili del debitore e dei coobbligati per un importo pari al doppio dell'importo complessivo del credito per cui si procede.

b) Se l'importo complessivo del credito per cui si procede non supera il cinque per cento del valore dell'immobile da sottoporre ad espropriazione determinato a norma dell'articolo 79, il concessionario, prima di procedere all'esecuzione, deve iscrivere ipoteca. Decorsi sei mesi dall'iscrizione senza che il debito sia stato estinto, il concessionario procede all'espropriazione.

L’ipoteca, quindi, non è un atto di espropriazione forzata in senso stretto, pur rimanendo comunque funzionale alla fase esecutiva. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione a sezioni unite con sentenza n. 2053 del 31.01.2006, secondo cui l’iscrizione d’ipoteca - equiparabile al fermo amministrativo - "è preordinata all'espropriazione forzata e dunque è un atto funzionale all'espropriazione medesima, ovvero un mezzo teso ad agevolare la realizzazione del credito".

La Legge n. 106/2011 ha previsto la necessità di avvisare il contribuente prima di iscrivere l'ipoteca, a partire dal 13 luglio 2011, Equitalia dovrà quindi inviare una comunicazione con l'avviso che, in assenza di pagamento delle somme dovute entro trenta giorni, si procederà all'iscrizione ipotecaria.

L' iscrizione di ipoteca può essere impugnata dinanzi all'Autorità competente.

 

 

 

 

10624664_739359676157462_3257674727129071748_n

 

Non Profit - Sostienici

 

 

 

  

© 2017 MDC – Roma Ovest. Tutti i diritti riservati.  

Sportello SOS Equitalia

Camillo Bernardini - Dalila Loiacono

Informativa sulla Privacy