Home Documenti Chi siamo Contatto
Sportello SOS Equitalia
Leggi Normativa Tecnica Giurisprudenza Pareri Articoli Verifica Debiti Equitalia Pubblicazioni Ricorsi Ricorsi GdP

Stop alle cartelle esattoriali di Equitalia non trasparenti!

 

La cartella esattoriale deve essere chiara e trasparente anche in merito al calcolo degli interessi. Diversamente l’atto è illegittimo è va dunque annullato. Di questo principio si è fatto un gran parlare nei giorni scorsi a seguito di una recentissima sentenza della Suprema Corte (sentenza della Corte di Cassazione n. 4516 del 21/03/2012), la quale ha accennato al tema degli interessi applicati dal concessionario della riscossione.

Tale sentenza, tuttavia, non ha fatto altro che riprendere solo marginalmente la problematica poiché ha ritenuto inammissibile il motivo di ricorso proposto dall’Amministrazione finanziaria. Pertanto, si è ritenuto più interessante analizzare la pronuncia della Commissione Tributaria Regionale oggetto del giudizio di cassazione.

La sentenza, dunque, è quella della Commissione Tributaria Regionale di Venezia (Sent. CTR di Venezia - Mestre n.18/07/10 ), nella quale si dichiara che “in relazione alla carente motivazione… non si può che concordare con i primi giudici … in relazione agli interessi. Infatti, nella cartella viene riportata solo la cifra globale degli interessi dovuti, senza essere indicato come si è arrivati a tale calcolo, non specificando le singole aliquote prese a base delle varie annualità”.

Inoltre, la Commissione rileva che “il contribuente aveva il diritto di essere messo nelle condizioni di capire agevolmente tutto ciò che gli veniva chiesto non competendo al cittadino la ricostruzione dell’operato dell’ufficio”.

In riferimento a ciò si ritiene opportuno citare anche una precedente sentenza della Suprema Corte, ossia la n. 18.415 del 16/09/2005, la quale aveva già ribadito l’illegittimità della cartella esattoriale “muta” che non permette al contribuente di comprendere l’operato dell’Ufficio.

Lo stesso Statuto dei diritti del Contribuente, inoltre, prevede espressamente che tutti gli atti tributari devono essere sufficientemente motivati “indicando i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell’amministrazione” (art. 7 della legge n.212 del 27/07/2000).

 

 

 

10802000_739358596157570_4249969855427401799_n

 

 

Non Profit - Sostienici Il database per il tuo email marketing

 

 

 

© 2017 MDC – Roma Ovest. Tutti i diritti riservati.  

Sportello SOS Equitalia

Informativa sulla Privacy